Il Personal Trainer Massaggiatore

Personal Trainer Massaggi

Prendersi cura della salute psicofisica di un’altra persona, creare sane abitudini ed essere un punto di riferimento per molti aspetti della qualità della vita.

Questa la missione di un Personal Trainer, i risultati che si fanno raggiungere sono lo specchio della sua professionalità e fanno da motore ad un mercato complesso ed articolato.

Come si potrebbe aumentare il proprio business?

Molte sono le strategie da attuare per poter ampliare gli introiti, dal migliorare le abilità già assimilate all’acquisirne totalmente delle nuove.

Una di queste potrebbe essere quella di approcciarsi al mondo dei massaggi, professionalmente vicino e sinergico al contesto training e fitness.

Il concetto base è quello di pensare ad una figura che possa sia programmare ed applicare le sessioni di allenamento e somministrare più o meno abitualmente dei massaggi per rilassare e distendere il fisico pre o post workout.

A tal proposito un Personal Trainer dovrà fare un’azione che sappiamo bene essere la base fondamentale della carriera: investire su sé stesso. Il primo passaggio è ovviamente la formazione, quindi frequentare un valido corso massaggio.

Con la parola valido ovviamente si intende che abbia determinate caratteristiche e standard di qualità.

Che corso scelgo per diventare massaggiatore?

Analizzando bene la situazione, serve un corso di formazione che ci consenta a livello di certificazione di poter letteralmente mettere le mani “sull’allievo” senza correre alcun pericolo. Quindi:

Il parametro numero uno per la scelta sarà ricercare un corso che rilasci un tesseramento simile a quello necessario per operare come trainer (riconosciuto CONI e che preveda una polizza assicurativa).

In secondo luogo, è fondamentale avere la certezza di un programma didattico, un buon corso di massaggio ha necessariamente bisogno di un approccio teorico su argomenti come:

  • Anatomia
  • Fisiologia
  • Biomeccanica
  • Teoria delle tecniche di massaggio

In aggiunta: diffidate di chi vi rilascia l’idoneità senza sottoporvi ad una verifica sui concetti studiati.

Altro vitale parametro per capire se il corso ha validità, è ovviamente la presenza e la quantità di esercitazione pratica.

Per poter operare come massaggiatore lo sviluppo della manualità e la propriocezione tattile sono la base del mestiere.

In conclusione si consiglia di chiedere sempre una biografia professionale dei formatori che si incontreranno, per un’accademia di formazione sui massaggi attendibile ci si aspetta dei docenti siano dei professionisti del settore: Massoterapisti, Fisioterapisti, Osteopati.

Personal training e massaggi: in pratica

Sarà semplice rendersi conto che terminato il primo corso di formazione, bisognerà continuare a mettersi in gioco e preventivarne altri.

Come il training la formazione dei massaggiatori non termina mai.

Nel contempo si potrà iniziare a mettere sul mercato un nuovo servizio e quindi ampliare il proprio pacchetto clienti e quindi elevare il business ad un livello superiore.

Nel mercato Italiano un Personal Trainer di media fama e valore si localizza sul mercato tra i 40/50 euro per ora, più o meno lo stesso prezzo lo si può immaginare per un massaggio base pre o post allenamento.

L’idea potrebbe essere quella di creare una routine su alcuni clienti, oltre alla sessione di allenamento si dedicano un massaggio di trenta minuti circa prima o dopo lo sforzo, in questo caso potremmo avere un aumento del valore del servizio, la cosiddetta Media Qualitativa (MQ):

  • Personal Trainer: 50 euro l’ora;
  • Massaggio base: 50 euro l’ora;
  • Personal Trainer + massaggio: 90 euro per un’ora e trenta minuti (60 euro l’ora).

Un’altra ipotesi potrebbe essere quella di aumentare la Media Quantitativa (MC), un cliente che ipotizzando si allena 2 volte a settimana, potrebbe aggiungere un paio massaggi all’interno del mese tra una sessione e l’altra:

  • 2 Sessioni a settimana: 8 sessioni al mese per un valore di 400 euro;
  • 2 sessioni a settimana + 2 massaggi al mese: 10 sessioni al mese per un valore di 500 euro.

Aspetto da non sottovalutare è quello di quanto si ingrandisca il perimetro del target di riferimento per un professionista che sponsorizza la propria attività sia da Trainer che come massaggiatore.

Si va a colpire tutta una fetta di mercato che prima non avrebbe mai preso contatto con noi.

Quindi riassumendo, se sei un Trainer e vuoi aumentare il tuo fitness business, inserire nella tua formazione e nei tuoi servizi il mondo dei massaggi ti permetterà di:

  • Aumentare il valore del tuo tempo;
  • Fidelizzare con maggiore velocità ed efficienza il tuo pacchetto clienti;
  • Accedere ad un target di contatti esponenzialmente più ampio.

Indiscutibilmente non esiste ragione per la quale non convenga fare questo investimento su se stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.